Territorio. Le Cinque Terre

Tra Liguria e Toscana.

LE CINQUE TERRE

Le Cinque Terre sono l’ideale per una gita in treno, infatti l’unica strada che collega tra loro i paesi,è tortuosa,lunga e insidiosa. Ci sono treni diretti da Sarzana,altrimenti la soluzione migliore è prendere un treno per La Spezia (è la linea La Spezia-Pisa ed è ben servita),o un autobus, e da lì per le Cinque Terre. Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza, Monterosso, sono i cinque borghi medievali arroccati sul mare che si articolano su un frastagliato tratto di costa della riviera ligure di levante, parco naturale e dal 1997 Patrimonio dell’Umanità tutelato dall’UNESCO. In un paesaggio ricco di grotte, insenature, baie, picchi rocciosi l’opera di antropizzazione che l’uomo ha portato avanti nei secoli è stata condotta in perfetta sintonia con l’ambiente e nel rispetto delle biodiversità. I caratteristici muretti a secco che connotano il paesaggio, formano i terrazzamenti su cui vengono coltivati vite e olivo. Meta molto ambita dal turismo balneare, le Cinque Terre sono anche centro di interesse per forme di turismo sempre più nuove legate alla cultura locale e alla possibilità di praticare sport in un territorio abbondante di ricchezze naturali. Famose per le prelibatezze culinarie tipiche del luogo come la pasta al pesto, le torte d’erbe e la torta di riso, anche nel settore enologico, le Cinque Terre si distinguono per la particolare produzione di vini quali il bianco 5 Terre e soprattutto lo Sciachetrà, un vino passito ottenuto dalla fermentazione di uve lasciate asciugare su tralicci, simbolo commerciale di queste terre, unico e prodotto solamente in questo territorio. Agglomerati di case arroccate su scogliere a picco sul mare, dall’intonaco vivacemente colorato. Coste frastagliate, piccole spiaggette, grotte marine. Mare cristallino, fondali da visitare, colline aspre e verdeggianti. Ristorantini di pesce, negozietti per lo shopping da turista, sentieri natura.Le Cinque Terre racchiudono tantissime caratteristiche che le hanno rese note in tutto il mondo da secoli. Esistono sentieri percorribili solo a piedi che collegano i 5 paesi e che permettono di entrare in contatto con la natura più vera di questo territorio. La vivacissima fauna marina, ha visto il ripopolamento di specie ittiche che avevano abbandonato quasi del tutto i nostri mari e, ciò è avvenuto ,dopo l’istituzione della riserva marina,nel Parco delle Cinque Terre.I più grandi letterati italiani e stranieri hanno apprezzato i loro soggiorni alle Cinque Terre e hanno citato questi luoghi nelle loro opere. Da Gabriele d’Annunzio,che nomina quel fiero Sciacchetrà che si pigia nelle cinque pampinose terre nelle sue “Faville del Maglio” al grande Eugenio Montale, che trasse grande ispirazione dalla ”sua” Monterosso, dalla natura, dai borghi di poveri pescatori,dal mare..